sabato 22 febbraio 2020

l'Alfabeto: A

                           Anima
                           Apatica
                           Accogli
                           Animatamente
                           Allegria!
                         
                         
                           Azzurrocielo


immagine : da qui

                         

domenica 9 febbraio 2020

Un brindisi alla luna





Stava scegliendo quali pantaloni e camicetta indossare per un'uscita serale in moto. Voleva che l'abbigliamento facesse... sufficientemente risaltare la sua figura snella. Dopo quasi due mesi di corteggiamento, l'invito di quella sera ad aspettare la luna blu di cui parlavano tutti i giornali, le era parso piacevolmente insolito e inaspettato. Lui, aveva avuto modo di constatare, era un tipo molto formale, ogni appuntamento era pianificato nei minimi dettagli, non lasciando mai nulla al caso.
Ed era sicura che anche quella sera lui avrebbe pensato e  organizzato ogni cosa al meglio.
Arrivarono su una collinetta proprio sotto la luna pena. Se alzava lo sguardo  le sembrava quasi di poterla toccare con la mano. Lui stese la coperta a quadri sull'erba soffice e, da una borsa termica, tolse due flùte e un secchiello col ghiaccio per una bottiglia di prosecco.
Lei assaggiò una fetta di torta che, precisò lui, aveva fatto preparare appositamente per quella serata da sua madre.
L'abbracciò: lei in quel momento si sentì al sicuro racchiusa tra quelle braccia forti. Aveva finalmente incontrato un uomo che aveva per lei mille attenzioni alle quali, da tempo non era più abituata.
Mentre le accarezzava i capelli e con le dita arrotolava qualche ricciolo ribelle, iniziò a parlarle della madre. Abitavano, lui e la madre, nello stesso appartamento. Lei pensò che , certamente, fosse solo per un questione di praticità .
Ma quando, lui le disse che ci aveva pensato e ne aveva  discusso con la madre, arrivando alla decisione che lei si sarebbe trasferita da loro,  un brivido, e non di piacere, le corse lungo la schiena.
Lui, lei e la madre?! Provò ad obiettare sulla funzionalità  di questo terzetto nello stesso appartamento, ma lui si irrigidì e lei capì che la mamma, la sua mamma lui non l 'avrebbe mai lasciata, neppure per la ragazza che diceva di amare sopra ogni cosa.

<< Brindiamo alla nostra nuova vita>> disse lui con enfasi alzando il bicchiere
Lei si alzò in piedi con  il suo flute in mano e altrettanto solennemente disse:  <<  A mai più rivederci mio caro >> .
Si girò verso la luna, che sembrava sorriderle e le rivolse un brindisi perché quella sera, sotto la sua luce bianca aveva capito tante cose , impedendosi di fare l'ennesimo errore con un uomo che non era il tipo giusto per lei.
Brindò e lanciò in aria il flùte correndo libera verso la strada.


                                                                Azzurrocielo


Racconto pubblicato nell'antologia Voci di notte "La luna e la notte" anno 2015 a cura dell'associazione Mirò. 

OK .... riparto....







Ok- Ora ci sono per davvero...
In questi mesi di silenzio 
ho preso decisioni importanti
di quelle che ti cambiano la vita, 
assorbita da cose grandi
ma
ora sono qua


Azzurrocielo

giovedì 3 ottobre 2019

Riemergo





                                        Capita che sparisca ogni tanto , fagocitata dal lavoro,
                                        stremata dal caldo (mi estinguerò fra i primi), 
                                         massacrata dalle zanzare con tante idee che frullano in testa 
                                         e che fisso puntualmente nel quaderno che porto sempre con me.
                                        Mi ripropongo, la sera di accendere il pc e leggere
                                        i blog più cari , quelli nuovi , interessanti, lasciare qualche commento
                                        ma poi la stanchezza e la spossatezza fisica e mentale
                                        prendono il sopravvento e mi ritrovo a letto con un libro da leggere
                                        e che, puntualmente lascio addormentandomi dopo due righe.
                                        Ora che arriva l'autunno spero di recuperare l'energia giusta
                                        l'entusiasmo e di riacchiappare tutti i fili che la vita mi lancia.
                                        A presto!

                                        Azzurrocielo

martedì 1 ottobre 2019

18




                                                              Mattino caldo
                                                          profumo di silenzio
                                                             mare e onde


                                                               Azzurrocielo

venerdì 6 settembre 2019

io e la tecnologia

                                                               


                                                                     
                                                                       👀


Abbiate pazienza,  spesso vorrei lasciare commenti ai post ma non riesco sui blog della piattaforma wordpress.






Azzurrocielo

mercoledì 4 settembre 2019

Riflessione



 


                                              Spesso mi trovo a sognare una settimana
                                                      di completo relax mentale,
                                                          un libro da leggere,
                                                      un quaderno su cui scrivere.
                                                       Però poi mi sento  in colpa....



                                                               Azzurrocielo 

domenica 1 settembre 2019

17




                                                                 pagine bianche
                                                             che saranno custodi
                                                                   di emozioni


                                                                    Azzurrocielo



immagine da qui

domenica 18 agosto 2019

16



                                                                azzurrocielo
                                                             ricami di nuvole:
                                                              sguardo stupito
                                                           

                                   
                                                                Azzurrocielo





lunedì 1 luglio 2019

nebbia




Il suono insistente della sveglia mi costringe ad alzarmi.
Come ogni  mattina starei volentieri a letto tutto il giorno. Da quando lei
 non è più qui con me ho perso l’entusiasmo per la vita.
Non si possono dimenticare cinquant’anni anni passati insieme e continuare a vivere senza lei come se tutto fosse normale.
A malincuore lascio il letto, cerco di inforcare gli occhiali che ripongo sempre ogni sera prima di coricarmi sul comodino, mi sfuggono e finiscono sotto al letto. Li trovo a tentoni e li posiziono sul naso.
Qualcuno potrebbe pensare che la mia vita sia monotona. Gli stessi gesti, le stesse cose fatte ogni giorno. In realtà non lo è affatto perché per me io considero rassicurante che ogni giornata sia uguale all’altra.
Scendo le scale e un ricordo mi annebbia la vista, mi sembra di vedere lei mentre ostinatamente sale con le borse della spesa evitando l’ascensore. Le fa paura. Ecco, ci sono cascato ancora.
Devo abituarmi a dire ‘Le faceva paura’.
Sospirando esco dal portone del palazzo e noto una strana nebbia che avvolge ogni cosa. Mi avvio per le strade che costeggiano e poi attraversano i giardini pubblici e guardo con stupore le persone tranquillamente sedute sulle panchine che leggono il giornale, come ogni giorno. Mi chiedo come sia possibile con questa nebbia così fastidiosa.
Arrivo al cimitero e, mentre sistemo e annaffio i fiori  sulla tomba di mia moglie noto che la nebbia è arrivata anche qui ad avvolgere di grigio le lapidi disposte ordinatamente in fila. Inizia a inquietarmi questa nebbia. Non s’è mai vista in questa stagione .
Ripercorro la strada verso casa con pensieri angoscianti che si affollano nella mente. Buco dell’ozono, alieni, inquinamento globale, complotti internazionali, forse bisognerebbe eliminare un po’ di traffico di automobili dalle strade.
Sempre più angosciato per la presenza di questa strana nebbia, che considero un’ anomalia nelle mie giornate sempre uguali e rassicuranti, mi fermo all’ edicola. Osservo l’edicolante che mi sorride porgendomi il quotidiano. Ma continuo a essere ancora  più sbalordito quando, al bar dove sono solito pranzare con un toast, il cameriere me lo porge canticchiando allegramente. E' pure di buonumore!
Possibile che nessuno veda e nessuno sia preoccupato per questa strana, subdola nebbia che sta avvolgendoci silenziosa ?
Osservo i passanti che proseguono tranquilli e per nulla intimoriti, mentre io non vedo l’ora di arrivare a casa per tappare porte e finestre e sentirmi al sicuro.
Salgo le scale il più in fretta possibile e, non appena mi chiudo la porta dell’appartamento alle spalle, rimango   impietrito. La nebbia. È entrata anche qui. Avvilito e spossato senza capire cosa stia accadendo, mi lascio cadere sulla poltrona.
Ora cosa faccio?  Se apro le finestre entrerà altra nebbia. Mi tolgo gli occhiali e mi passo la mano sulla fronte sudata. Poi riprendo gli occhiali e sorridendo mi accorgo che ... non hanno le lenti! Probabilmente saranno rimaste a terra accanto al letto da stamattina.

                                                          Azzurrocielo


Immagine dal web, qui

domenica 23 giugno 2019

Dietro lo sportello (un diavolo per capello) di Candy Cos



Premessa:
 Spesso quando mi trovo nella sala d'attesa del Cup penso che mi piacerebbe fare l'impiegata allo sportello.. Non ho mai pensato fosse un lavoro semplice, avendo a che fare con persone per ore, ma, a differenza del mio lavoro quando si finisce il turno "hai finito". Io mi porto a casa i pensieri, le problematiche da risolvere, in poche parole non stacco mai .
Quindi  
quando mi è capitato di vedere questo libro, letta la sinossi, ho pensato fosse la lettura adatta a me , soprattutto in questo periodo di superlavoroiperstressante in ufficio. 
E, ogni tanto, fra una lettura horror e un'altra ho bisogno di qualcosa di leggero. 

Ho letto questo libro in pausa pranzo, sono aneddoti su episodi accaduti  all'autrice 
durante l'orario di lavoro, appunto in un Cup  raccolti, raccontati e illustrati come in una sorta di diario comico.
Perché
questo è un libro divertente, una lettura rilassante. Ho fatto quattro risate da sola mentre leggevo velocemente le pagine arrivando alla considerazione che il genere umano è veramente buffo e variegato e, in questo caso nel bene, mai finisce di stupirmi.

sabato 1 giugno 2019

14




Arriva Giugno
è di rosso colorato
di papaveri


Azzurrocielo


13

Son piccolino
ma credi a me : tanti
fan la fortuna


Azzurrocielo

PS : dopo aver aperto un grande salvadanaio

giovedì 30 maggio 2019