mercoledì 6 giugno 2018

IL tempo



Era una mattina come tutte le altre, la sveglia suonò al solito orario e con un discreto anticipo alla partenza del treno, in modo che potesse far colazione sorseggiando il caffè d'orzo con calma, mentre controllava i messaggi whatsapp sul cellulare. Rispose ai vari ' buongiorno' con faccine sorridenti e l'immagine di una tazzina di caffè.
Flavio non sapeva se sarebbe stata una buona giornata. In ufficio lo aspettavano alcune pratiche problematiche sulla scrivania e che aveva ignorato per giorni.
Gettò lo sguardo all'orologio appeso alla parete e fece un sobbalzo: mancavano dieci minuti alla partenza del treno e non gli sembrava di aver perso la cognizione del tempo.
Uscì di casa correndo mentre si sistemava la cravatta e arrivò al binario.
Deserto.
Ricontrollò l'orario sul cellulare e si rese conto che erano trascorse due ore.
Ben due ore.
Pensò che si fosse sfasato qualcosa nel suo smartphone ma anche l'orologio della stazione confermò che erano le 9:30.
Confuso cercò fra gli orari dei treni per capire a che ora sarebbe partito il prossimo. No, decisamente qualcosa non andava nel cellulare: gli orari cambiavano ininterrottamente come se fossero in continuo aggiornamento.
<< Ma che diamine sta succedendo oggi? >>
Si guardò intorno e l'unica persona che vide sul binario era un vecchio che trainava un piccolo carretto carico di oggetti vari e indefinibili. Con passo lento  gli si stava avvicinando e quando gli fu di fronte Flavio pensò di rivolgersi a lui. Già, ma per chiedergli cosa?
Il vecchio si fermò in attesa. Poi gli disse:
<< gran bella serata, vero? >>
Serata?
Flavio era sempre più sconcertato, in effetti il cielo era all'imbrunire.
<< Scusi, ma ... da quanto tempo siamo qui? >>  non sapeva neppure lui che dire e questa domanda gli sembrava banale.
<< L'asse >> disse il vecchio come se neppure lo avesse sentito
<< Che asse?>> Flavio pensò che l'uomo stesse farneticando.
<< L'asse terrestre si sta spostando e il tempo va più veloce >> gli rispose serio.
<< Ma dove sono tutti gli altri, qui siamo solo noi due >>
<< Hanno fatto il salto, io non ci sono riuscito, le gambe non sono più quelle di un tempo>> prese il carretto e continuò lungo la banchina del binario.
Flavio ripeté mentalmente le parole, asse, tempo, veloce, salto.
Decisamente era una pessima giornata. Da dimenticare. Se possibile.

Azzurrocielo


(immagine da pixabay )


6 commenti:

  1. Wow!!!!!! Al di là dell'incubo è davvero bello!
    Pensa però come sarebbe pesante se il tempo corresse così. Come faremmo a stargli dietro? Già siamo sempre in ritardo normalmente....
    Brava Azzurrocielo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono convinta che il tempo scorra più velocemente!

      Elimina
  2. Ma che brava, un po’ claustrofobico ma veramente bello e avvincente. Un incubo da cui sfuggire. Buona continuazione di giornata.
    Sinforosa

    RispondiElimina
  3. eppure... ci sono giornate in cui io mi sento proprio come Flavio (ed oggi è una di quelle)

    Comunque sono arrivata al tuo blog per caso, ma mi piace molto e mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di essere passata e di esserti fermata qui! Anche a me sembra che il tempo scorra più in fretta di qualche tempo fa e non sono convinta sia solo colpa della vita frenetica che facciamo.....

      Elimina

GRAZIE PER ESSERTI FERMATO A LASCIARE UN COMMENTO